CUCINA

LA FILOSOFIA

La cucina di Bistrot64 segue l’alternarsi delle stagioni.

Nei piatti l’estetica spesso essenziale racchiude sapori proveniente da una cucina tecnica che si è raffinata però togliendo, sottraendo, in una parola semplificando. Lo chef Kotaro Noda, d’origine Giapponese e d’adozione gastronomica Italiana fonde e fa convivere i sapori delle due culture, la filosofia di cucina è fatta Semplicità e Territorio.

Pensiamo anche che sapori , tecniche e gusti cambino insieme all’evolvere della storia, per questo ci sentiamo coinvolti anche nella creazione di una nuova tradizione gastronomica. Per noi le culture s’incontrano creando valore, anche a tavola.

Non è un caso che nella nostra proposta gastronomica spicchi anche la voce dei primi della tradizione capitolina (amatriciana, carbonara e cacio e pepe).

SPAGHETTO DI PATATE BURRO E ALICI

La storia del piatto iconico di chef Noda Kotaro è quella di un condimento semplice come quello burro e alici che incontra le patate trafilate a mò di spaghetto.

L’idea era quella di proporre un piatto gluten free senza acquistare paste commerciali o comprate al supermercato, da qui la patata, cotta non in acqua in ebollizione come si farebbe con un semplice spaghetto ma spadellata direttamente con il burro. Piatto sapido grazie alla colatura di alici e croccante grazie al rifinimento di patate fritte. Nel novembre 2017 dopo la vittoria al Taste of Roma lo spaghetto di patate si aggiudica il primo premio anche alla competizione mondiale di Abu Dhabi Taste the World modificando la sua ricetta con l’arricchimento della polvere di liquirizia in sostituzione di quella di rapa rossa.

LA FILOSOFIA

La cucina di Bistrot64 segue l’alternarsi delle stagioni.

Nei piatti l’estetica spesso essenziale racchiude sapori proveniente da una cucina tecnica che si è raffinata però togliendo, sottraendo, in una parola semplificando. Lo chef Kotaro Noda, d’origine Giapponese e d’adozione gastronomica Italiana fonde e fa convivere i sapori delle due culture, la filosofia di cucina è fatta Semplicità e Territorio.

Pensiamo anche che sapori , tecniche e gusti cambino insieme all’evolvere della storia, per questo ci sentiamo coinvolti anche nella creazione di una nuova tradizione gastronomica. Per noi le culture s’incontrano creando valore, anche a tavola.

Non è un caso che nella nostra proposta gastronomica spicchi anche la voce dei primi della tradizione capitolina (amatriciana, carbonara e cacio e pepe).

SPAGHETTO DI PATATE BURRO E ALICI

La storia del piatto iconico di chef Noda Kotaro è quella di un condimento semplice come quello burro e alici che incontra le patate trafilate a mò di spaghetto.

L’idea era quella di proporre un piatto gluten free senza acquistare paste commerciali o comprate al supermercato, da qui la patata, cotta non in acqua in ebollizione come si farebbe con un semplice spaghetto ma spadellata direttamente con il burro. Piatto sapido grazie alla colatura di alici e croccante grazie al rifinimento di patate fritte. Nel novembre 2017 dopo la vittoria al Taste of Roma lo spaghetto di patate si aggiudica il primo premio anche alla competizione mondiale di Abu Dhabi Taste the World modificando la sua ricetta con l’arricchimento della polvere di liquirizia in sostituzione di quella di rapa rossa.

PRENOTA
UN TAVOLO AL BISTROT

PRENOTA

REGALA
UNA CENA AL BISTROT

ACQUISTA

NOVITÀ DEL BISTROT64

Iscriviti per essere il primo a ricevere notizie speciali e aggiornamenti sulle novità del Bistrot.